Home » Notizie

Nei pozzi di Sa Osa a Cabras si rivela il mondo vegetale della Sardegna nuragica

20 marzo 2015

semiNel 2008 i lavori per la nuova strada Oristano - Cabras rivelarono un insediamento preistorico su un leggerissimo rialzo del terreno al raccordo con la strada Rimedio - Torregrande. In precedenza erano stati rinvenuti solo pochi frammenti sporadici, poiché la maggior parte del sito era sepolta da un metro di sedimenti alluvionali depositati dal Tirso nei suoi millenari movimenti attraverso la pianura. Tra il 2008 e il 2009, in tre campagne di scavo finanziate dalla Provincia di Oristano per una durata di 9 mesi, fu indagata tutta l’estensione di quella che oggi è una rotatoria stradale.

La grande impresa archeologica ha avuto il merito di indagare per la prima volta in estensione un insediamento nuragico senza nuraghe perdurato dal Bronzo Medio al Bronzo Finale - Primo Ferro (circa 1500-800 a. C.): un sito non monumentale e quasi senza strutture edilizie caratterizzato dalla posizione in prossimità del basso corso del Tirso, in un ambiente instabile segnato dalle cicliche esondazioni del fiume, quindi dai rischi e dalle opportunità conseguenti.

Nei pozzi più profondi del settore meridionale, colmati da una fanghiglia perennemente umida a causa della falda acquifera superficiale, fu subito notata una grandissima quantità di semi d’uva e di fico. Le nuove scoperte sono venute dalla setacciatura dei campioni di sedimento prelevati e sigillati durante lo scavo. Dapprima il gruppo di archeobotanica del Centro di Conservazione della Biodiversità dell’Università di Cagliari ha pubblicato i risultati degli ultimi studi sui semi di vite rinvenuti nei pozzi, fornendo importanti indizi sull’origine della viticultura in Sardegna e in Europa (Vegetation History & Archaeobotany, http://link.springer.com/article/10.1007/s00334-014-0512-9); ora, grazie anche alla collaborazione con i migliori specialisti nazionali ed internazionali del settore (Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana, Laboratorio di Palinologia e Paleobotanica dell’Università di Roma La Sapienza, Istituto per la Valorizzazione del Legno e delle Specie Arboree di Sesto Fiorentino, Instituto de Historia di Madrid), il contenuto del pozzo più ricco di reperti, il pozzo N, è stato accuratamente studiato sotto tutti i diversi aspetti botanici (Plant Biosystems, http://www.tandfonline.com/eprint/sycgI3HfuJZNycA9vExy/full#.VOW5SRzGdYs).

Sono stati identificati centinaia di migliaia di semi, frutti, granuli pollinici e frammenti di legno e carbone di piante coltivate e selvatiche, come olivo, mirto, mora, frumento, orzo, prugnolo selvatico, cicerchia, ginepro, lentisco e molte altre ancora. La novità più singolare è data dal ritrovamento di 47 semi di melone, specie la cui coltivazione in tempi preistorici era nota finora solo nel Vicino e Medio Oriente. I semi di melone ritrovati nel pozzo N di Sa Osa, datati col C14 al periodo compreso tra 1310 e 1120 a.C., costituiscono attualmente la più antica testimonianza della coltivazione del melone nel bacino del Mediterraneo. Ora sono in corso analisi genetiche e morfologiche in collaborazione con l’Università Politecnica di Valencia. Il quadro archeobotanico rivela che la popolazione stanziata nei pressi di Cabras alla fine del Bronzo Recente aveva un’economia di sussistenza altamente sviluppata e una profonda conoscenza della flora e vegetazione della Sardegna, su cui eseguiva un’attenta selezione delle materie prime.

Naturalmente è del tutto casuale che questi siano i più antichi semi di melone conosciuti nel Mediterraneo. Nulla suggerisce un primato dei nuragici nella coltivazione del melone. Piuttosto, negli scavi e nelle ricerche di Sa Osa è stato tenacemente perseguito l’obiettivo dell’indagine interdisciplinare a tutto campo ed è stata sfruttata la prima occasione favorevole presentatasi.

Attraverso l’intero spettro delle specie vegetali domestiche e spontanee documentate nei pozzi di Sa Osa, e attraverso i resti ossei animali ugualmente oggetto di studio, vediamo l’emergere di diverse forme di agricoltura e allevamento: da un lato attività estensive per la produzione di cereali, legumi, fibre tessili, carne, latte, lana, cuoio e pelle, e prodotti derivati come quelli caseari; dall’altro, almeno in alcuni ambienti particolarmente adatti per natura o adattati dall’uomo, attività intensive e specializzate per la produzione di ortaggi e frutta.

Documentazione correlata

Cabras Sa Osa

Vai alla ricerca

Menu contestuale